Avviato il laboratorio al Liceo Majorana di San Giovanni La Punta (CT)

header

Giovedì 27 marzo 2014 si è svolto il primo incontro del laboratorio di Fisica del Karate presso il Liceo Scientifico Statale “Majorana” di San Giovanni La Punta (CT), nell’ambito del PON azione C2 “Orientamento formativo e riorientamento”. Il laboratorio prevede 20 ore di attività sullo studio della fisica applicata al karate con la finalità di aumentare l’interesse per la cultura e la formazione scientifica; sviluppare la capacità di osservazione e il senso critico e razionale; aiutare a comprendere come l’approccio tipico del metodo scientifico ci aiuta a comprendere la natura; stimolare l’interesse degli studenti per la fisica; mostrare la ricchezza culturale della fisica e la sua potenza di indagine;sapersi relazionare con gli altri, integrarsi in un gruppo di lavoro al fine di ottimizzarne il lavoro di ricerca. Operativamente si lavorerà su due piani: sperimentare con il corpo le grandezze fisiche e leggi della fisica ed eseguire misure sperimentali tramite l’uso del software di modellizzazione  Tracker ®. Utilizzare il tatto come canale del processo di insegnamento-apprendimento è l’aspetto didattico innovativo del laboratorio. Gli studenti, infatti, oltre a sentire e vedere, come fanno regolarmente nei loro banchi di scuola, hanno la possibilità di percepire le sensazioni tattili delle grandezze e delle leggi della fisica; in altre parole si è cerca di aprire il canale delle percezioni tattili, sollecitando il cervello con maggiori stimoli, molte volte divertenti,  con un immaginabile beneficio del processo di apprendimento. Capire con il proprio corpo l’efficacia di una leva, oppure analizzare la cinematica di un movimento con una videocamera, tirando fuori misure di velocità e accelerazione, hanno fatto sentire agli studenti la fisica come disciplina concreta e a dimensione umana e non astratta e solo roba per scienziati rinchiusi in misteriosi laboratori di ricerca.

Comments are closed.